Materiale Edile

Siete dalla parte dell'edilizia sostenibilie? Vi piacerebbe impiegare più spesso il vetro ma lo reputate un materiale troppo delicato? Siete fanatici del progresso tecnologico? Bene, questa news edilizia vi stupirà. Scoprite tutte le caratteristiche del legno trasparente, il materiale del futuro che potrebbe spezzare l'infrangibile supremazia del vetro.

 

News edilizia: legno trasparente sostituirà il vetro?

Se credete che per lavorare il legno siano necessari gli utensili da falegname e che possa servire solamente per parquet, controsoffitti e camini da accendere, è giunto il momento di ricredervi. 

In questi ultimi tempi il legno è diventato un materiale sempre più popolare. Tale diffusione è dovuta ad una sempre più dilagante sensibilità verso il consumo di risorse e ad un occhio attento agli impatti ambientali di costruzioni e processi produttivi. È vero: il legno è stato utilizzato più massicciamente, ma è da notare anche il veloce sviluppo di tecnologie che ha reso possibile l'impiego diffuso e innovativo di questo materiale tradizionale. 

Non solo un legno resistente all'acqua o legni flessibili: la ricerca è andata oltre. In questo fertile campo di sperimentazione, negli Stati Uniti si è pensato di dare una nuova vita al legno, facendolo diventare un trasparente legno da costruzione. Si tratterebbe di un materiale sostenibile, rinnovabile e alternativo al vetro.

Le ricerche  sono state sviluppate più precisamente presso la A. James Clark School of Engineering dell’Università del Maryland. Qui, da tempo i ricercatori tentano di ideare soluzioni innovative, portando avanti nei laboratori dell’ateneo progetti sperimentali sui materiali dalle molte implicazioni possibili.

Legno trasparente: come si ottiene

Da dove comincia il procedimento brevettato dall'Università del Maryland? SI agisce direttamente sulla lignina, il polimero che conferisce il colore scuro al legno, così come la sua solidità e la sua resistenza. La lignina rende sostanzialmente più rigide le pareti cellulari e quelle degli elementi di connessione tra le cellule ( quelli che trasportano acqua e nutrienti, per intenderci). 

Sostanzialmente si aternano due passaggi. Innanzitutto si procede alla bollitura del materiale per circa due ore (nei laboratori si è proceduto con elementi di 2×2 cm). In una soluzione di acqua, idrossido di sodio e altre sostanze chimiche in grado di sciogliere la lignina di un materiale. Successivamente il prodotto ottenuto viene poi imbevuto di resina epossidica che gli conferisce nuovamente forza e resistenza, ma artificialmente. Il risultato è un materiale modificato, irrobustito e quasi del tutto trasparente.

Il primo impiego sperimentale di questo legno trasparente è stato collocarlo su un piccolo modello in scala di un’abitazione; qui il trasparente legno ha sostituito una delle falde del tetto.

Vetro trasparente: vantaggi e svantaggi

Fino a qui abbiamo parlato di questo materiale innovativo, di questa news edilizia in termini del tutto positivi. Tuttavia siamo solo all'inizio della sperimentazione delle sue applicazioni e, a parte i costi del trattamento che non si possono ancora quantificare, qualche svantaggio lo possiamo già mettere in conto: un sostituto perfetto del vetro? Beh, innanzitutto questo legno non è del tutto trasparente.

Sono comunque numerosi i potenziali vantaggi già definibili.

Partendo da una base completamente naturale, sebbene trattata, il legno trasparente promette di essere più ecologico, resistente ed isolante del vetro. Le prove di laboratorio hanno dimostrato come la struttura interna ad anelli lasciata inalterata dal trattamento consenta il passaggio di quasi tutte le lunghezze d’onda percepibili della luce, schermando allo stesso tempo le radiazioni infrarosse che trasportano il calore. La stessa struttura interna conferisce al legno trasparente antiabbagliamento. Infatti le radiazioni luminose che attraversano il campione vengono riflesse internamente; in questo modo la luce è diffusa più uniformemente a prescidere dalla posizione del sole.

Quest'ultima caratteristica, se sfruttata per il rivestimento dei pannelli fotovoltaici potrebbe portare a un incremento dell'efficienza del sistema di circa il 30%, sostengono i ricercatori, in quanto il rendimento energetico sarebbe più autonomo dall’angolo di incidenza dei raggi solari. 

Insomma, il legno trasparente, nonostante il trattamento con sostanze chimiche, sarebbe comunque più ecologico e sostenibile del vetro e della plastica; prodotto da una materia prima completamente rinnovabile, e resistente fino a dieci volte più del legno non trattato

Se vuoi scoprire tutte le potenzialità green del legno, leggi anche: Casa ecosostenibile: in aumento abitaizoni in legno.



Potrebbe interessarti anche