fbpx
05
Mar, Mar

Ristrutturazione

Secondo alcuni dati divulgati relativi allo scorso anno, gli incidenti sul posto di lavoro si aggirano attorno ai 317 milioni tra cui molti che sfociano in decessi o malattie prolungate; chiaramente questo dato è davvero preoccupate e il motivo per cui non dovremmo sottovalutare questi dati è molto semplice: le aziende probabilmente non stanno facendo abbastanza per prevenire queste situazioni. Proprio per questo motivo, le attività più attente e desiderose di garantire benessere ai propri dipendenti investono tantissimo in risorse per la sicurezza e proprio di questo topic vorremmo parlarti oggi.

Le aziende non devono occuparsi solamente di fatturato, vendite e produzione ma dovrebbero far fede agli obblighi e alle regole contenute nel Testo Unico legato al Decreto Legislativo 81/2008. Dato il numero altissimo di incidenti, lo Stato ha redatto una legge per poter prevenire e limitare i danni, cercando di rendere i luoghi di lavoro il più sicuri possibile.

Chi ha la responsabilità della sicurezza

In un’attività, ci sono diverse figure che gravitano attorno alla sicurezza. In primis il responsabile è sicuramente il direttore o proprietario dell’attività che dovrebbe investire per prevenire incidenti, attenzione poi ad altre figure di responsabilità che potrebbero avere ulteriori agganci. Secondo quanto stabilito dalla legge, il dipendente dovrebbe essere informato, si dovrebbe effettuare una valutazione dei rischi e controllare che le norme antinfortunistiche vengano applicate ma soprattutto è necessario un sistema di vigilanza sulle attività. Se vuoi approfondire l’argomento sicuramente dovrai rivolgerti a degli esperti: per informazioni in merito alla sicurezza sul lavoro visita www.sicurzeta.it.

Strategie per aumentare la sicurezza dell’ambiente di lavoro

Abbiamo racchiuso alcuni consigli pratici che potrebbero aiutarti a mettere la sicurezza della tua azienda al primo posto, così da tutelare tutto il tuo staff.

  • Formazione e sensibilizzazione: fai in modo che tutti i dipendenti ricevano una formazione adeguata sulla sicurezza sul lavoro. Dovranno avere conoscenza delle procedure di sicurezza, l'uso corretto di attrezzature e macchinari, la gestione dei prodotti chimici pericolosi e l'addestramento sui protocolli di emergenza.
  • Valutazione dei rischi: effettua una valutazione completa dei rischi presenti sul posto di lavoro. Identifica le potenziali aree di pericolo e sviluppa un piano per mitigare i rischi.
  • Manutenzione regolare: programma regolari controlli e manutenzioni delle attrezzature e delle infrastrutture per assicurarti che siano in buone condizioni di funzionamento.
  • Utilizzo di equipaggiamenti di protezione individuale: fornisci ai dipendenti divise e abbigliamento adeguati per il loro lavoro, come caschi, occhiali protettivi, guanti, calzature antiscivolo e abbigliamento protettivo e controlla che vengano utilizzati correttamente.
  • Monitoraggio continuo: implementa un sistema di monitoraggio continuo per identificare tempestivamente eventuali rischi o anomalie; potresti valutare l’acquisto di telecamere, l'uso di sensori di sicurezza o l'implementazione di segnalazioni di incidenti online.
  • Coinvolgimento dei dipendenti: crea programmi di incentivazione che premiano i dipendenti per il loro impegno nella sicurezza e coinvolgili nella revisione e nel miglioramento delle politiche di sicurezza.

Revisione e miglioramento: periodicamente, rivedi le politiche e le procedure di sicurezza esistenti per identificare aree in cui è possibile apportare miglioramenti ma soprattutto mantieniti aggiornato sulle migliori pratiche di sicurezza e segui le normative e le leggi locali in materia di salute e sicurezza sul lavoro.



Potrebbe interessarti anche