Case prefabbricate in legno - fasi e valutazioni

Ristrutturazione

Nell'approfondimento seguente andremo a trattare dell'eventualità di acquistare delle case prefabbricate in legno. Infatti, anche se come paese non siamo assolutamente ancora al passo con altri grandi paesi europei e non, sempre di più si sta ampliando la curiosità e l'utilizzo di questa possibilità.

Case prefabbricate in legno

Infatti queto tipo di case portano svariati vantaggi come un bassissimo consumo energetico(circa il 90% in meno delle case tradizionali a cui siamo abituati), un alto isolamento acustico e la minor presenza di umidità e polveri, rispettando anche l'ambiente che ci circonda.

Intorno al mondo delle case prefabbricate in legno circolano molte voci prive di fondamento. Una di queste è la paura, assolutamente infondata, che queste case prefabbricate in legno siano poco resistenti e altamente instabili e pericolose. Questa è un'idea tipica degli italiani, abituati da sempre a conoscere solamente le tradizionali case in muratura.

Uno studio giapponese ha rivelato invece che analizzando tre diversi materiali di costruzione, il legno, l’acciaio e il calcestruzzo, tali studiosi hanno riportato che il legno, grazie al suo ottimo rapporto forza-peso, risulta essere il materiale con la resistenza alla trazione e alla compressione maggiore. Viene poi l’acciaio e infine il calcestruzzo. Una casa costruita in legno pesa infatti 8 volte meno di una in muratura tradizionale.

La manutenzione, come spiegato su Wolfhouse , sarà negli anni per lo più esterna, varia sicuramente a seconda del luogo dove abitiamo, del clima e del tipo di legno usato per la struttura. In zone ottimali non ci saranno grossi problemi mentre nelle zone più difficoltose bisognerà essere più assidui e frequenti nella manutenzione, che comunque si ridurrà nel re-impregnare la nostra struttura in legno con apposite vernici traspiranti che eviteranno il nascere di muffe e funghi e proteggeranno il nostro legno dalla luce solare e dalle intemperie.

E’ importante pensare invece che il legno è naturalmente caldo ed ha una trasmissione termica 1500 volte minore dell’acciaio. Grazie alla sua densità inoltre limita al minimo la dispersione di calore rendendo le nostre abitazioni calde d’inverno e fresche d’estate, riducendo i costi energetici del 30-40% rispetto alle case tradizionali in cemento e facendo abbassare ovviamente vertiginosamente i nostri consumi energetici.

Ora andiamo però a riassumere in maniera chiara e concisa le fasi di sviluppo e di costruzione delle case prefabbricate in legno:

•    Innanzitutto bisogna essere in possesso di un terreno edificabile che abbia un ampio e facile accesso per autotreni di media-grossa portata, così da facilitare il lavoro dei professionisti del settore.
•    Definire e progettare insieme ai consulenti addetti le varie sfaccettature della vostra abitazione,  come la suddivisione delle stanze, lo spessore delle pareti, il posizionamento di impianti idraulici ed elettrici, il tipo di copertura e lo spessore delle pareti etc…
•    Progettare il piano di posa che dovrà essere precisamente livellato e adeguato ai carichi che andremo poi a posare sullo stesso, scongiurando cosi il rischio di crolli.
•    Richiedere le normali autorizzazioni comunali e approvare i disegni definitivi della vostra abitazione.
•    Costruire il piano di posa. La vostra casa prefabbricata in legno sarà prodotta in circa 30-40 giorni dal termine dei lavori di fondamenta della posa.
•    I montatori della ditta a cui vi siete rivolti impiegheranno circa 40 giorni per edificare una casa media di circa 180 mq lavorando con impiantisti specializzati.
•    Finito questo partirà il collaudo della struttura e la richiesta al comune di residenza di abitabilità.

Questo è in linea di massima l’iter progettuale e costruttivo di una casa prefabbricata in legno,  visibile anche sul sito della Mondocasette.



Potrebbe interessarti anche