fbpx
15
Lun, Ago

Materiale Edile

Cos'è l'intonaco premiscelato e quali sono i vantaggi nell'usarlo

Comodi e veloci per gli addetti ai lavori e perfetti per gli amanti del bricolage che s'improvvisano muratori senza avere le giuste competenze per la miscelazione dei vari elementi che compongono l'intonaco tradizionale, gli intonaci premiscelati sono una grande innovazione da sfruttare con maestria in edilizia per lavori più rapidi e puliti. In questo articolo cerchiamo di capire come sono fatti e ne analizziamo vantaggi e svantaggi.

Intonaci premiscelati: cosa sono

Gli intonaci premiscelati sono composti innovativi ideati per risparmiare tempo e fatica.  L'intonaco tradizionale è composto da vari elementi che devono essere misurati e miscelati nel giusto modo e nelle giuste quantità per ottenere un buon prodotto mentre, come dice il nome stesso, il premiscelato è un prodotto pronto in cui le quantità dei diversi elementi sono stati misurate a livello industriale.

Questo permette quindi di risparmiare molto tempo nella preparazione della miscela ma anche e soprattutto di avere la stessa qualità e riproducibilità di prodotto, costante per ogni intonaco. La grande innovazione degli intonaci premiscelati è, quindi, la possibilità di ottenere una granulometria precisa e costante grazie alla macinazione delle sabbie. 

In commercio esistono diversi tipi di prodotti, con differenze di qualità e di costo in base alle materie prime che si utilizzano: dalle miscele di prodotti naturali ed ecologici (più costosi e di superiore qualità) a quelle realizzate con prodotti chimici.

Vantaggi degli intonaci premiscelati

Utilizzare una miscela già pronta sicuramente fa risparmiare molto tempo, ma non sono solo le tempistiche ridotte nella preparazione a renderlo un prodotto tanto usato. Tra i vantaggi del premiscelato troviamo:

  • è adatto a tutti i tipi di muratura e può essere steso sia a mano che a macchina;
  • consente un'ottima levigatura della parete su cui viene posato e la miscela sempre uguale permette di fare un lavoro estremamente preciso e pulito;
  • ha tempi di posa molto ridotti rispetto all'intonaco tradizionale e questo permette di ammortizzare anche il costo della manodopera;
  • è estremamente versatile, può essere tranquillamente utilizzato su spazi molto piccoli (poiché permette di preparare anche piccole quantità di prodotto) e anche su pareti che richiedono l'utilizzo di prodotti specifici (aggiungendo agli intonaci premiscelati gli appositi additivi possono essere usati per risolvere particolari problematiche ottenendo intonaci fonoassorbenti o ignifughi).

Svantaggi degli intonaci premiscelati

Come per tutti i prodotti industriali e quindi dei quali non possiamo vedere i processi di lavorazione, possono esserci diversi svantaggi nell'utilizzo. La causa delle possibili problematiche risiede, come per ogni cosa, nella scelta e nella selezione delle materie prime: se la ditta decide di utilizzare materie prime di qualità si otterrà un prodotto performante ed estremamente utile; se invece decide di risparmiare sugli ingrediente scegliendo di usare materie prime scadenti, inevitabilmente, il prodotto risulterà di bassa qualità e il lavoro subirà dei rallentamenti.

Inutile dire che per ottenere un lavoro ben fatto è sempre meglio puntare su un prodotto qualitativamente alto. Vediamo quindi quali sono gli svantaggi degli intonaci premiscelati:

  • difficoltà durante l'applicazione: se la malta pronta è di bassa qualità tenderà a scivolare sulla parete;
  • fessurazioni: con un prodotto scadente, sia durante l'applicazione che in fase di indurimento, si possono creare piccole fessure che andranno a rovinare il lavoro favorendo la fuoriuscita dell'umidità;
  • resistenza meccanica: una miscela pronta di qualità insufficiente avrà una minore resistenza meccanica.

I migliori intonaci premiscelati

In commercio esistono moltissime ditte che creano intonaci premiscelati, di tutte le fatture e di diversa qualità. 

Il primo che ci sentiamo di consigliarvi è INTOMAP R2 FIBRO di Mapei, azienda leader nella produzione di materiale edile. Si tratta di intonaco bianco di fondo, una malta premiscelata fibrorinforzata monocomponente a base di calce aerea e leganti idraulici per esterni e interni.

Il secondo che vi consigliamo è KD 2 di Fassa Bortolo, un intonaco di fondo fibrorinforzato a base di calce e cemento, che può essere utilizzato sia per pareti interne che per quelle esterne.

Ed infine, il prodotto della ditta Kerakoll che vende solo prodotti ecologici e 100% naturali, propone Biocalce® Muratura. Si tratta di una malta naturale e bio-compatibile di pura calce NHL 3.5 a norma EN 459‑1, perfetta sia per gli interni che per gli esterni.



Potrebbe interessarti anche