Energie Rinnovabili

L'incenerimento dei rifiuti ha innegabilmente il vantaggio di ridurre il volume della nostra immondizia, tuttavia, rimane posta la questione dei rischi che questa tecnica comporta per l'uomo e per l'ambiente. Gli inceneritori o termodistruttori sono impianti di smaltimento di rifiuti che bruciandoli ne riducono il peso ed il volume.

Il cosiddetto decreto Sblocca Italia, del settembre 2016, con decreto attuativo dell'agosto successivo voluto dal Premier Renzi, che ha imposto di puntare sui giganteschi forni inceneritori anziché riciclare, è finito davanti alla Corte di Giustizia Europea. L'intento era quello di incenerire anche il 10% dei materiali provenienti dalla raccolta differenziata. Un’operazione ad oggi ancora in piedi: la vecchia e sospetta ricetta per risolvere il problema dei rifiuti con giganteschi impianti, inquinanti e antieconomici. Una manovra, questa, che prevede il potenziamento degli attuali inceneritori e la costruzione e l'avviamento di nuovi, sparsi in Italia. Mentre gli altri Stati membri adottano le misure atte a promuovere la prevenzione, il riciclo, la trasformazione dei rifiuti e l'estrazione dai medesimi di materie prime ed eventualmente di energia, nonché ogni altro metodo che consenta il riutilizzo dei rifiuti, puntando alla economia circolare, rimettendo in circolo le risorse, anziché distruggerle, noi torniamo indietro di oltre 40 anni. Così disponeva la direttiva CEE 442 del 1975: incenerire è l'ultima “eventuale” opzione insieme alle discariche. 

Vantaggi e svantaggi degli inceneritori

Un italiano produce in media circa 500 chilogrammi di rifiuti domestici all'anno. La maggior parte viene messa in discarica, ma l'incenerimento dei rifiuti continua a crescere. L'incenerimento riduce il volume dei rifiuti di quasi il 90% e da un certo punto di vista è positivo, permette anche il recupero di energia, quindi approfittarne per produrre energia non è cosa da poco. Bruciando una tonnellata di rifiuti domestici, si possono produrre circa 700 kWh di elettricità o, meglio ancora, fino a 1.500 kWh di calore. Se la redditività del recupero di energia dai rifiuti non sempre è garantita, la ripresa è ora globalmente competitiva, soprattutto perché è completamente indipendente dai prezzi del petrolio e del gas. A velocità di crociera, nel cuore di un inceneritore, c'è una temperatura di oltre 850 ° C. Una temperatura alla quale nessun batterio, virus, microbo o anche la maggior parte degli inquinanti può resistere. Le fasi di avvio o arresto sono più delicate, ma sono in corso lavori per migliorare il controllo e la qualità del processo.

L'Italia è l'unico Stato Europeo che finanzia l'incenerimento dei rifiuti. Tutti gli altri Stati membri (come Austria, Belgio, Danimarca, Germania) impongono ai gestori di inceneritori di pagare una tassa per ogni tonnellata di rifiuti bruciati, disincentivando l'incenerimento dei rifiuti stesso.  

Tuttavia, le associazioni ambientali dicono "NO" all'incenerimento di rifiuti urbani e solidi.

Il "rifiuto" delle associazioni ambientali

L'incenerimento dei rifiuti è una curiosa valorizzazione. Anche se gli esperti concordano sul fatto che gli stabilimenti di incenerimento dei rifiuti domestici attuali non hanno nulla a che fare con gli inceneritori dell'inizio del XX ° secolo, la diffidenza non è mai abbastanza. L'incenerimento potrebbe produrre energia, ma è soprattutto un modo ipocrita per liberarsi di un problema spinoso a livello locale e farlo "patire" all'intero pianeta. L'incenerimento dei rifiuti, fra tutte le tecniche di smaltimento, è quella più dannosa per l'ecosistema e per la salute umana. Gli inceneritori immettono nell'atmosfera milioni di metri cubi al giorno di fumi inquinanti, contenenti polveri grossolane (PM10) e fini (PM2,5) costituite da nanoparticelle di metalli pesanti, idrocarburi policiclici, policlorobifenili, benzene, diossine, estremamente pericolose perché persistenti e accumulabili negli organismi viventi. Alcuni metalli tossici come biossido di carbonio, mercurio, cadmio, piombo, cromo, nichel, arsenico, tallio, ossido di azoto, acido cloridrico, possono essere volatilizzati e rigettati dai camini. L'incenerimento dei rifiuti è la principale fonte di diossina nel nostro ambiente. Altre fonti sono i forni per cemento che bruciano rifiuti pericolosi e impianti metallurgici. Dal disastro di Seveso del 1976, la diossina è stata descritta come la "sostanza chimica più tossica mai prodotta dall'uomo" (con evidenti ripercussioni sulla salute dell'uomo: tumori del sangue, problemi dermatologici, patologie cardiovascolari, epatiche e disturbi endocrini, dello sviluppo degli organi sessuali e in particolare della riproduzione). Quando si analizzano i fumi degli inceneritori vengono cercate solo poche sostanze, ma la composizione dei rifiuti inceneriti è chimicamente molto eterogenea. La sinergia tra tutte le sostanze tossiche prodotte durante l'incenerimento ne moltiplica la tossicità.

La Commissione per la protezione delle acque si oppone alla falsa soluzione di incenerimento dei rifiuti domestici e dei rifiuti industriali ordinari, a causa dell'impatto sull'atmosfera e dei disturbi climatici o fisici che induce per il futuro. La maggior parte di questi rifiuti, come ad esempio imballaggi inutili, può essere eliminata a monte dalle cosiddette strutture di smaltimento. Fintanto che l’incenerimento dei rifiuti verrà preferito ad altre soluzioni, l’industria non sarà spinta verso la progettazione e la produzione di beni di consumo che non contengano sostanze chimiche tossiche. I rifiuti potrebbero essere riutilizzati, riciclati e compostati in condizioni di sicurezza garantendo in tal modo una soluzione sostenibile ad un problema globale, in linea con una visione progressiva di una società che produca Zero Rifiuti.

Alla fine, lo smaltimento dei rifiuti urbani finali in una discarica (ossia ciò che rimane dopo lo smistamento e il riciclaggio di tutto ciò che può essere recuperato) è senza dubbio migliore dell'incenerimento.



Potrebbe interessarti anche