Energie Rinnovabili

La società di oggi sta pagando a caro prezzo un passato fatto di abusi a livello di risorse energetiche ed il loro imminente depauperamento ci porta a sviluppare ulteriormente una politica green che favorisca l'incremento dell’utilizzo delle energie rinnovabili per poter continuare ad illuminare, riscaldare, gestire i vari motori e molte altre funzioni. Oltretutto, lo sfruttamento eccessivo di queste risorse, come il gas e il petrolio, di riflesso, ha causato anche un grado di inquinamento ampiamente superiore ai livelli di norma.

 

Combattere l'inquinamento attraverso le fonti rinnovabili

Un'altra sfida ci attende e per far fronte al cambiamento climatico studiosi e scienziati di tutto il mondo stanno cercando di aiutare il nostro pianeta attraverso progetti che puntino allo sfruttamento di fonti alternative, naturali e inesauribili come il sole, la terra e l'acqua per produrre l'energia solare, l'energia idroelettrica, l'energia eolica, la biomassa e la geotermica. Stando ai dati di una ricerca internazionale le energie rinnovabili sono a tutti gli effetti il modo più facile, veloce ed economico per combattere l’inquinamento. Inoltre generano pochi rifiuti e questi rifiuti possono essere riciclabili. 

Benefici delle energie rinnovabili

L'energia verde è migliore e più sana per il nostro ambiente. Il suo uso può ridurre significativamente le emissioni di CO2, di gas serra e di pericolosi rifiuti radioattivi. Secondo alcuni studi, la nostra Terra potrebbe essere completamente alimentata da energie rinnovabili utilizzando solo un spazio quadrato di 500.000 km con pannelli solari, praticamente tutta la Spagna.

I vantaggi delle energie rinnovabili sono numerosi, in quanto in generale sono più pulite, sicure e soprattutto, esistono in quantità illimitata. Sfruttando al meglio la loro potenzialità ci ritroveremmo con una maggiore stabilità climatica, economica, ambientale e sociale, soprattutto sviluppando nuove grandi centrali elettriche che, in termini di sicurezza, rappresentano uno dei principali vantaggi in quanto vi è un rischio molto basso di incidenti.

Basti pensare che il decentramento di questo tipo di energia rappresenta anche un fattore positivo molto importante per lo sviluppo di determinati territori e lo sviluppo locale. Il mercato del lavoro per queste fonti energetiche costituisce un elevato numero di posti di lavoro, circa un milione, in particolare nel fotovoltaico, nell'eolico e nelle biomasse. Nel rispetto dell'ambiente queste centrali di produzione simboleggiano una rigogliosa catena di montaggio durante la loro fabbricazione, il loro funzionamento e il loro smantellamento alla fine della loro vita.

Svantaggi delle energie rinnovabili

Tuttavia, sia che provengano dal sole, dal vento o dall'acqua di mare, le energie rinnovabili vengono utilizzate per produrre un'unica energia, l'elettricità, che non è l'unica fonte consumata dalle società industrializzate. In Italia, ad esempio, quest'ultima è solo un quarto del nostro consumo totale, mentre una quota importante è occupata dal petrolio, poi dal gas e dal carbone.

Allo stato attuale delle cose queste energie potrebbero sostituire il riscaldamento a gas, ad esempio, ma riguardo al petrolio non è possibile a causa del suo utilizzo nei trasporti e nell'industria. Sicuramente, grazie a queste energie la produzione di elettricità è più sostenibile, ma il problema è risolto parzialmente, perché sappiamo bene che il petrolio da solo rappresenta metà del nostro consumo.

Inoltre, nessuna singola fonte di energia rinnovabile, purtroppo, è perfetta in termini di ambiente e clima, competitività e sicurezza dell'approvvigionamento.

Ecco perché:

  • la disponibilità dipende dal clima: ad esempio, per coloro che operano con l'energia solare, è possibile utilizzare solo il 50% della sua reale capacità nelle zone equatoriali e ancor meno a causa della scomparsa del sole per diversi mesi ai poli. Inoltre, quando il cielo è nuvoloso, la radiazione solare è inferiore. Riguardo l'energia eolica, durante i periodi anticiclonici, non c'è vento, pertanto questa energia si rivela poco stabile;
  • la competitività: ancora oggi l'utilizzo delle energie rinnovabili resta il più grosso inconveniente. Il consumo di combustibili fossili come petrolio, carbone o gas dovrebbe essere considerevolmente ridotto e l'energia rinnovabile deve essere controllata meglio per risparmiare di più;
  • l'approvvigionamento: le dighe idroelettriche, ad esempio, hanno un forte impatto sull'ecosistema e rappresentano il principale problema per la fauna selvatica, anche i pesci migrano con difficoltà nei loro terreni di riproduzione nonostante siano state costruite delle reti, mentre le turbine eoliche sono un pericolo per uccelli e pipistrelli;
  • l'impatto visivo sul paesaggio: anche questo deve essere preso in considerazione soprattutto quando si costruiscono grandi centrali solari o parchi eolici. Le turbine eoliche e le centrali idroelettriche non sono belle da vedere, ma dovrebbero contribuire a ridurre il numero di linee ad alta tensione, che rimangono quindi un inquinamento per la fauna selvatica. 

Redditività delle energie rinnovabili

A tutt'oggi, purtroppo, la redditività delle energie rinnovabili è piuttosto complessa. Anche nei grandi paesi industrializzati non ci sono abbastanza impianti idroelettrici o eolici per stabilizzare la loro produzione, impossibile, quindi, al momento sostituire del tutto i combustibili fossili con le energie rinnovabili in modo sostenibile. Specialmente nel settore dei trasporti, al fine di ridurre al minimo l'uso del petrolio, bisognerebbe trovare un'alternativa ai veicoli privati, ai singoli riscaldatori e ridurre il fabbisogno energetico delle varie industrie ad alta intensità energetica.

Sono ancora troppi gli individui, le imprese, le industrie e le altre comunità che hanno una sottoscrizione di elettricità e gas con un fornitore tradizionale, sebbene, attualmente, le energie rinnovabili si stiano diversificando e stiano comparendo in tutto il mondo, grazie alla consapevolezza che i combustibili fossili non sono risorse inesauribili e che alcuni di essi sono parzialmente pericolosi per il pianeta, oltre che sempre più costosi. Tutti, dunque, devono fare la loro parte e andare incontro ad una politica ambientale ed ecologica più promettente e pronta a contrastare l’inquinamento.

Le aziende, dal canto loro, sembrano aver già compreso l’importanza delle fonti e delle energie rinnovabili. In Italia il 23% delle prime cento aziende utilizza esclusivamente fonti di energia rinnovabile, mentre il 35% di esse la sfrutta per un livello superiore alla metà dei propri consumi. 

Fortunatamente, dati Europei del 2018 mostrano un elemento incoraggiante, l’energia verde certificata è cresciuta negli ultimi cinque anni. Rispetto al 2017, il 2018 ha visto un incremento di questo valore pari al +8%, con questi ritmi l’Europa potrebbe superare i 5 miliardi di Euro di mercato rinnovabile. Ciò vuol dire che stiamo procedendo nella giusta direzione.

Per rimanere sempre aggiornato seguici sulla nostra pagina Facebook.



Potrebbe interessarti anche