fbpx
05
Mar, Mar

Coibenti-Bioedilizia

Consumi Energetici

Nella bioedilizia la scelta di materiali coibenti adeguati è una priorità imprescindibile. Infatti per un vero risparmio energetico e la costruzione di una casa ecologica ed ecosostenibile è essenziale scegliere strutture create con coibenti affidabili e ecologici. In questo approfondimento andremo proprio a trattare dell'argomento in maniera più esaustiva, proponendo i migliori coibenti naturali attualmente conosciuti per lavori di bioedilizia, cercando di presentare i prodotti, come vengono lavorati.

Coibenti: cosa sono e cosa servono

Estratti e le caratteristiche principali di ognuno di loro. Innanzitutto è bene puntualizzare le caratteristiche essenziali richieste ad un materiale coibente di qualità, che risultano essere la traspirabilità, principi ignifughi, l'igroscopicità( proprietà di assorbire l'acqua), la resistenza a muffe, animali e funghi, l'assenza di odori ed altro senza l'utilizzo di prodotti secondari spesso sintetici e chimici, dannosi perciò all'ambiente.

Questa è in linea di massima la distinzione delle diverse categorie di coibenti e le origini delle stesse:

Coibenti - Origine Vegetale

Sughero: Elemento ottimo come coibente, estratto dalla quercia da sughero, rispecchia tutte le proprietà essenziali dei migliori coibenti per la bioedilizia ed è facilmente reperibile e naturale.

Fibra di legno: Viene prodotta tramite gli scarti della lavorazione del legno, dal riciclaggio di corteccie di conifere in cui le fibre stesse del legno vengono legate tramite la resina lignea naturale presente nel materiale stesso.

Legno mineralizzato: Generalmente sono scarti della lavorazione di pioppo, abete e lana di legno impastate cemento bianco, cioè non trattato chimicamente.

Coibenti - Origine Animale

Lana di pecora: Questo elemento rispecchia a pieno le doti essenziali di un coibente adatto all'impermeabilizzazione. Infatti grazie alla sua microstruttura è un ottimo isolante termico ed acustico. E' inoltre un materiale igroscopico, in grado di assorbire fino al 33% d'acqua del suo peso specifico, senza umidità nella struttura e rilasciando gradualmente l'acqua assorbita. Altro aspetto positivo è il bassissimo bilancio energetico della lana di pecora.

Coibenti - Origine Minerale

Vermiculite e Perlite: Questi elementi si ottengono dall'espansione del minerale base tramite esfoliazione, cioè un processo di cottura ad alte temperature.

Argilla espansa: Dalla cottura di argilla a temperature molto elevate si ottiene sei volte il volume iniziale del materiale, che diviene termoisolante, ignifugo, leggero e antiassorbente.

Calcio Silicato: Prodotto da sabbie silicee, calce idraulica e fibre di cellulosa è un ottimo coibente ignifugo.

Vetro Cellulare espanso: Materiale altamente resistente , è un ottimo termoisolante. Viene composto con materie silicee, quarzo, acido borico, carbonati ed eventualmente con scarti di vetro.

Questi sono in generale i migliori coibenti conosciuti, in grado di rendere la vostra struttura ecosostenibile ed essenziali per lavori di bioedilizia.



Potrebbe interessarti anche