fbpx
07
Mar, Feb

Arredamento Casa

La pandemia da COVID-19 ha letteralmente rivoluzionato le nostre vite e, in molti casi, il modo di lavorare. Il periodo del lockdown ha evidenziato i molteplici vantaggi per l'ambiente del lavoro da casa: la diminuzione dell'uso quotidiano delle automobili ha portato ad una notevole diminuzione delle emissioni nocive e quindi dell'inquinamento, ed è per questo che moltissime aziende, anche quando è finita l'emergenza sanitaria, hanno continuato a lavorare in smart working. Se le tua azienda rientra tra queste ultime e la tua abitazione ha spazi ristretti continua a leggere questo articolo e troverai sicuramente qualche buona idea per allestire una postazione da lavoro comodamente a casa tua.

Vediamo come organizzare il lavoro a casa se non si possiede già una zona studio

Sei stufo di lavorare sul tavolo della cucina e di dover spostare il portatile e l'agenda ad ogni pranzo o cena? Vorresti poterti sistemare tranquillo senza ritrovare le tue cose di lavoro sempre in mezzo? Vorresti avere uno spazietto tutto tuo per poter lavorare in modo comodo e funzionale? Oggi ti daremo qualche piccolo consiglio su come approntare una postazione di lavoro se gli spazi interni della casa non sembrano permetterlo.

Ritagliati il tuo spazio

Se la metratura della tua abitazione non permette di costruire e arredare una nuova stanza da adibire a studio, occorre ingegnarsi e usare l'astuzia ricavando spazi nuovi dove non si pensava di poterli trovare. Per poter lavorare in modo tranquillo e senza interruzioni (perché si sta in mezzo) è indispensabile riuscire a ritagliarsi un piccolo spazio dove posizionare in pianta stabile le proprie attrezzature. 

Abbandonare la situazione di precarietà tipica del non sapere dove posizionare il PC aiuterà sicuramente ad affrontare le ore di lavoro con uno spirito migliore e, soprattutto, permetterà di separare la vita lavorativa da quella casalinga che, invece, con lo smart working tendono spesso a fondersi, portandoci a lavorare di più del dovuto. Ecco qualche idea per creare la propria postazione da lavoro.

Sfruttare gli spazi

La prima cosa da fare è osservare la casa con occhi diversi, concentrandosi sugli spazi a cui di solito non si pensa. Per creare una postazione da lavoro che contenga il portatile e poco altro non occorre, poi, molto spazio e così via libera a mensole tattiche in piccole nicchie nel muro, tra i mobili e le librerie o addirittura subito sotto il davanzale delle finestre.

Acquistando una mensola larga minimo 30 cm si avrà lo spazio per posizionare comodamente il proprio portatile, un blocco per gli appunti, una tazza di tè e, volendo, anche qualche foto proprio come sulle scrivanie in ufficio. È però fondamentale posizionarla alla giusta altezza per non gravare sulla schiena e sul collo durante tutta la giornata.

Mini postazione da lavoro

Sempre con l'idea di sfruttare al meglio gli spazi, esistono su Amazon moltissimi tavolini da parete, perfetti per creare la propria postazione da lavoro e, al bisogno, richiuderla occupando davvero poco spazio. Ottimizzare una parete vuota in camera da letto, un piccolo spazio in salone o l'area dietro la porta in ingresso permetterà di avere un mini studio resistente, funzionale e soprattutto a scomparsa quando non serve. Realizzato in legno di qualità e facilissimi da montare e aprire, questo tipo di tavolo pieghevole permette di sfruttare al meglio tutti gli spazi dando la possibilità di lavorare comodamente anche in case molto piccole.

Postazione di lavoro nell'armadio

Se lo smart working è ormai parte integrante della tua vita e ti occorre una soluzione permanente, una buona idea per creare un vero e proprio piccolo studio a scomparsa è quella di sfruttare gli armadi a muro. Quando non è possibile ricavare un adeguato spazio di lavoro utilizzando le pareti vuote, occorre ingegnarsi ed effettuare qualche modifica "strutturale" al classico armadio/ripostiglio:

  • svuota e ripulisci l'armadio;
  • ridipingi le pareti per renderlo più confortevole;
  • crea un'adeguata illuminazione e assicurati che ci sia almeno una presa elettrica;
  • monta delle mensole alte per sfruttare comunque l'armadio come ripostiglio inserendo le cose dentro scatole o ceste ordinate;
  • monta un tavolo da parete con una parte pieghevole così da poter richiudere le ante dell'armadio a muro senza smobilitare la tua postazione da lavoro;
  • acquista una sedia comoda, ergonomica, in grado di darti il giusto supporto per l'intera giornata di lavoro.

Sfrutta verande, mansarde o sottoscala

Se hai la fortuna di avere uno spazio in più, come la veranda o un sottoscala, anche se è piccolo e attualmente ingombro di tutte le cose con cose che non si sa mai dove mettere, creare una postazione da lavoro diventa un gioco da ragazzi e non necessita neanche di un grande investimento. Dopo aver svuotato e ripulito l'ambiente, basterà prendere qualche misura e accertarsi che ci sia almeno una presa elettrica (altrimenti farla portare dall'elettricista) e poi fare pochi, oculati acquisti tattici.

Per rendere uno spazio accogliente, infatti, non serve che sia grande, basta arredarlo nel modo giusto: dipingi le pareti con colori neutri e calmanti (il bianco alle pareti crea sempre l'illusione degli spazi ampi) e metti qualche quadro alle pareti che parli di noi e renda la stanza più personale. Una scrivania (della dimensione che lo spazio consente), una buona lampada da tavolo (indispensabile per non affaticare lo sguardo) e una sedia comoda faranno il resto per rendere anche una stretta mansarda o una piccola veranda una vera postazione da lavoro.



Potrebbe interessarti anche

Approfondimenti