fbpx
02
Ven, Dic

Arredamento Casa

Hai sempre sognato di passare l'inverno in poltrona davanti al camino, leggendo un buon libro con il gatto sulle gambe? Vuoi approfittare per creare il tuo piccolo angolo caldo prima che arrivi il freddo? Ti stai domandando tra le tante tipologie di camino quale potrebbe essere la più conveniente? In questo articolo parleremo del caminetto a legna, per dare alla tua casa un'atmosfera davvero unica.

Caminetti moderni, camini prefabbricati o termocamino?

Se anche la stagione proprio non lo vorrebbe, immaginare lo scoppiettio della legna, il caldo tepore, i giochi di luce e quei riflessi aranciati sulle pareti rende sempre tutto più romantico: basta solo imaginare il caminetto e già ci vediamo sul divano a sorseggiare un bel bicchiere di vin brulé. E allora perché non approfittare di questo periodo per acquistarlo e farlo montare così da poterlo sfruttare al massimo con l'arrivo del freddo?

Il tradizionale caminetto a legna

Il caminetto a legna è nell'immaginario di tutti il "vero" camino, l'unico, forse un po' antico ma insostituibile con la fiamma viva e morbida, la possibilità di cucinare o arrostire qualcosa ma, soprattutto, un'immediata atmosfera calda e suggestiva. 

Per anni considerato l'unica fonte di calore nelle abitazioni, oggi viene installato nelle case principalmente per due motivi: garantire un'altra fonte di riscaldamento a costo ridotto (la legna è tra i combustibili più economici in commercio) oppure per motivi puramente estetici. In entrambi i casi, prima di procedere all'acquisto e all'installazione è bene conoscere le varie tipologie e modelli.

Tipologie di camino

Pensando al camino, la prima immagine che ci verrà in testa sarà il classico caminetto a legna aperto, in realtà in commercio ne esistono di molte tipologie:

  • il caminetto aperto: il più classico e anche quello che regala l'atmosfera più magica, a livello di prestazioni però non è la più efficiente riuscendo a sfruttare solo il 20% del suo potenziale reale di riscaldamento, poiché molto calore si disperde nell’ambiente;
  • caminetto aperto ventilato: più efficiente rispetto alla soluzione precedente grazie a speciali condotti che propagano il calore nell’ambiente portando l’efficienza termica al 40%;
  • caminetto chiuso: realizzato in acciaio o in ghisa e chiuso con un vetro ceramico resistente alle alte temperature che garantisce maggiore sicurezza rispetto al caminetto a legna aperto. In questo caso, grazie alla combustione ottimizzata, l'efficienza termica sale a un 40-60%;
  • caminetto chiuso ventilato: in questo caso il rendimento termico sale notevolmente arrivando all'80% consentendo un notevole risparmio sull'acquisto della legna;
  • termocamino: ottima alternativa al normale impianto di riscaldamento che permette di riscaldare i termosifoni grazie al calore della combustione che è in grado di riscaldare l’acqua; 
  • camino prefabbricato: una soluzione molto comoda per l'installazione che prevede l'acquisto di un blocco per costruito da attaccare alla canna fumaria.

Informazioni preventive prima dell'acquisto del caminetto a legna

Una volta capite tutte le possibilità a livello di efficienza termica, è bene fare delle valutazioni preventive sull'abitazione così da non sbagliare nell'acquisto del nuovo camino.

Per progettare un camino che non dia problemi di tiraggio del fumo deve essere per prima cosa presa in considerazione la canna fumaria, indispensabile per il caminetto a legna: la sezione della canna fumaria deve essere compresa tra 1/12 e 1/10 dell’apertura del camino. È inoltre opportuno evitare gomiti o curve per far defluire facilmente il fumo; nel caso in cui i cambi di pendenza della canna non si possono evitare, sarebbe meglio che queste non superassero i 45°, meglio se inferiori a 30°.

Altra valutazione da effettuare è il posizionamento del camino in relazione alle dimensioni della stanza per valutarne l'ingombro: per calcolare la superficie dell’apertura del caminetto, si dovrebbe moltiplicare il volume della stanza per 30 (un coefficiente costante) ottenendo così i centimetri quadrati di superficie dell'apertura. La stanza in cui andrà installato il camino dovrà, inoltre, essere ben arieggiata e fornita di una presa esterna che possa assicurare il normale ricircolo dell’aria.



Potrebbe interessarti anche

Approfondimenti