Materiale Edile

In questi tempi duri per il nostro caro pianeta, è importante prestare attenzione ai prodotti che utilizziamo. Se davvero vogliamo, abbiamo gli strumenti necessari per creare qualcosa di più grande, più bello e soprattutto più ecologico. In caso di nuova costruzione o di ristrutturazione meglio approfittare dei materiali da costruzione ecologici. Con una casa verde, vinciamo sotto tutti i punti di vista.

 

Architettura ecosostenibile

Un materiale viene definito ecologico quando ha un impatto minimo sull'ambiente e favorisce il risparmio energetico, consentendo di tenere sotto controllo le spese elettriche mensili, di beneficiare di una riduzione delle imposte e nello stesso tempo di ridurre anche i costi di esercizio e di manutenzione dei manufatti edilizi. Inoltre, non deriva dalla manipolazione di sostanze chimiche o sostanze sintetizzate in laboratorio, ma da risorse rinnovabili. Una caratteristica di questo tipo di materiale è la sua durabilità nel tempo ed il fatto che richiede la minima manutenzione, essendo realizzato utilizzando solo prodotti di origine naturale. 

I materiali da costruzione ecologici soddisfano diversi requisiti: non danneggiano la salute dell'uomo, combattono le perdite di energia, non richiedono troppa energia per produrli, né troppo lavoro per il loro trasporto. Sono riciclabili, il che non pregiudica in alcun modo le loro caratteristiche fisico-meccaniche e privi di tossicità, pertanto generano poco (se non nessuno) inquinamento sull'ambiente. Scegliendoli, oltre a guadagnare in qualità di vita, ci prendiamo cura del nostro pianeta. 

Nella moderna edilizia, i materiali sostenibili rappresentano il fulcro di due discipline molto diffuse con l'obbiettivo di prestare maggiore interesse all'ambiente e al benessere dell'uomo, soprattutto in caso di nuove costruzioni: bioedilizia e bioarchitettura, che prevedono l'utilizzo di materiali ecologici e non inquinanti, ponendo così fine al depauperamento di quelle energie non rinnovabili. 

Materiali ecologici per la tua casa

Per essere considerati tali, i materiali ecologici oltre all'impatto sull'ambiente, devono rispondere a determinati criteri in tutto il loro ciclo di vita, anche nelle fasi successive alla produzione, ovvero, l'utilizzo e lo smaltimento.

Pertanto, quando si opta per un progetto sostenibile che utilizza materiali verdi, questi devono essere scelti anche in funzione delle loro caratteristiche e proprietà, come la capacità di isolamento, l'igroscopicità, la capacità di accumulare calore, ecc..

Vediamo come si integrano nella costruzione e i benefici che apportano questi innovativi materiali:

  • legno: la casa in legno è la casa verde per eccellenza poiché riesce a creare spazi abitativi caldi e accoglienti, in grado di procurare effetti benefici garantendo il comfort ed il benessere delle persone che li vivono. Viene utilizzato per implementare la struttura, il telaio e il partizionamento. Questo materiale vanta numerose qualità, elasticità, flessibilità, resistenza alle sollecitazioni termiche e meccaniche e resistenza all'usura. Inoltre, è tra i materiali rinnovabili, riciclabili e biodegradabili per eccellenza. Oltre ad essere un prodotto sano e naturale, il legno è un eccellente isolante termico e acustico e assorbe l'umidità nell'aria;
  • laterizi: il mattone è un materiale da costruzione ecologico facile da implementare e consente di risparmiare energia grazie alle sue qualità di inerzia termica e igrometrica. In termini di mattoni abbiamo l'imbarazzo della scelta tra mattoni classici, a nido d'ape, mattoni in calcestruzzo e argilla espansa, mattoni di fango, mattoni di pietra calcarea. Tutti possiedono buone caratteristiche meccaniche e di isolamento termico e acustico, nonché resistenza al fuoco e facilità ed economicità di posa;
  • pietra: naturale e autentica, la pietra è un materiale da costruzione ecologico sempre meno utilizzato, rispetto alle sue caratteristiche e al suo prezzo;
  • calce: la calce è un prodotto derivante dalla decomposizione termica del calcare. Associato a sabbia, pietre di argilla, canapa o paglia, può essere utilizzato per la finitura delle pareti. Offre una buona permeabilità al vapore acqueo, ciò consente di risparmiare denaro;
  • calcestruzzo cellulare: è un materiale verde composto da acqua, gesso, polvere di alluminio, calce, sabbia e cemento che elimina la necessità di isolamento esterno e risparmia energia grazie alle sue capacità termiche e acustiche;
  • calcestruzzo vegetale: è un calcestruzzo fatto di canapa (usato per la forza delle sue fibre), roccia vulcanica e un legante con calce. Molto versatile, può essere utilizzato per lastre, facciate e pareti divisorie;
  • sughero: il sughero, di rovere o di quercia, è usato per creare tappi di bottiglia, ma anche come isolante sia termico che acustico. La corteccia dell'albero si sfoglia per essere ridotta in granuli e, successivamente, viene espansa a 300 ° per diventare un pannello isolante ecologico al 100%. Ideale per soffitte, garage o altre costruzioni, è impermeabile, non marcisce e resiste perfettamente all'umidità come al fuoco;
  • paglia: raramente ci pensiamo, ma la paglia è un ottimo isolante, il suo basso costo e il basso impatto sull'ambiente ne fanno il materiale ecologico per eccellenza. Combinato con una struttura in legno, la paglia fornisce un isolamento perfetto. Tuttavia, mal resiste all'umidità e al fuoco;
  • canapa: è un materiale dalle robuste fibre che, ad oggi, è stato utilizzato in molti campi, ha attraversato la moda, la medicina, la cucina e ora si appresta a conquistare l'edilizia. Utile contro l'inquinamento, la canapa è una materia prima riciclabile in piena regola. Nel tempo sostituirà meravigliosamente lana di vetro o roccia e offrirà uno stile di vita migliore. Assorbe bene l'umidità ambientale ma è più sensibile al fuoco rispetto ad altri isolanti;
  • lino: il lino è una pianta ancestrale usata principalmente per produrre materiali compositi. Associato con calce naturale, è usato per fare il calcestruzzo di lino, un materiale termicamente efficiente. Può anche essere utilizzato per isolare tetti, pavimenti intermedi e pareti. Utile anche nella regolazione del vapore acqueo in casa;
  • lana di pecora: la lana di pecora rappresenta l'isolamento acustico più efficace. Durevole nel tempo, è facile da reperire e viene utilizzata per isolare soffitte, soffitti, pareti, rampicanti e sottofondi;
  • cotone: riciclato da stracci o vestiti, il cotone viene sfilacciato e calafatato direttamente sulle pareti. Il più delle volte, questo isolamento è realizzato con 80% di cotone e 20% di poliestere per prevenire le allergie;
  • ovatta di cellulosa: realizzata con giornali, l'ovatta di cellulosa è un materiale ecologico utilizzato per l'isolamento del pavimento grazie alle sue eccellenti qualità isolanti. La sua conducibilità termica, proprio come il cotone, è variabile in base alla materia prima utilizzata. Non il massimo contro l'umidità, è resistente al fuoco grazie al sale di boro incorporato nella sua composizione;
  • fibra di legno (o lana di legno): che si tratti di pannelli rigidi o rotoli flessibili, la fibra di legno resiste all'umidità e al vapore e limita i ponti termici;
  • bambù: il bambù, in particolare il gambo, è un materiale da costruzione tra i più antichi. Molto apprezzato per la sua leggerezza e resistenza, in fibra, lamella o polvere, è utilizzato per realizzare telai, pavimenti, pali, coperture, tubi. Le costruzioni in bambù richiedono 50 volte meno energia rispetto a quanto ne richiede l'acciaio e 10 volte meno il cemento;
  • terra cruda: la terra cruda, il materiale da costruzione più antico, più ecologico, sostenibile ed economico, presente da tempo immemorabile in tutta la storia dell’architettura è un composto di argilla e inerti naturali lasciato semplicemente essiccare all’aria, senza bisogno di cottura, che non richiede energia primaria nella produzione. Viene utilizzata soprattutto per rifinire e completare gli involucri degli edifici con importanti vantaggi per l’ambiente, la salute umana e il comfort abitativo;
  • intonaco: realizzato in gesso calcinato, è usato per realizzare rivestimenti. Viene anche utilizzato nella finitura di pareti o soffitti e per fare le piastrelle. Nella creazione di ripartizioni garantisce un buon isolamento termico e acustico, apportando risparmio energetico in casa;
  • vetroresina ecologica: materiale dal forte potere isolante e dalle proprietà intrinseche (tra cui la resistenza alla corrosione, l’amagneticità, l’isolamento elettrico e l’assenza di manutenzione) che consentono un’elevata flessibilità di impiego.

Su questo e altri argomenti, per rimanere sempre aggiornato seguici sulla nostra pagina Facebook.



Potrebbe interessarti anche