Materiale Edile

L'intonaco è un materiale tradizionale da costruzione con proprietà isolanti e ignifugo, sorprendentemente attuale, nonostante abbia una lunga storia di millenni. Tradizionalmente è una malta composta da una parte legante (indurente) che ingloba sabbia finissima, nella quale possono essere presenti sostanze additive come cellulosa, amido, fumo di silice, plastici, ecc., aggiunte con lo scopo di modificarne le caratteristiche. Il materiale in polvere industriale o la pasta costituita da una miscela di polvere e acqua da utilizzare subito, costituisce l'intonaco pronto.

Cos'è l'intonaco 

Nel campo dell'edilizia le applicazioni dell'intonaco sono molto diverse: si va dai rivestimenti interni, alla sigillatura, ai massetti, malte, stucchi, stampi, decorazioni e modanature, ma anche elementi costruttivi quali lastre o strutture isolanti per pareti in cartongesso, piastrelle, pareti, muratura per interni, eccetera.

L'intonaco naturale può essere contaminato da influenze esterne, come l'inquinamento atmosferico o i livelli di radon presenti nel sito di estrazione. L'intonaco naturale ha un grado di purezza dell'85%-95%.

In base al legante usato l'intonaco si distingue in:

  • intonaco a base di calce, dove il legante è la calce (calce idrata o calce idraulica, in forma di polvere o grassello);
  • intonaco calce-cemento, dove il legante è una miscela di calce idrata e cemento portland, con prevalenza di calce;
  • intonaco cemento-calce, dove il legante è una miscela di calce idrata e cemento portland, con prevalenza di cemento;
  • intonaco a base di gesso, dove il legante è esclusivamente gesso;
  • intonaco a base di argilla, dove l'unico legante è l'argilla.

Uso dell'intonaco pronto

L’intonaco pronto, premiscelato con cemento e sabbie silicee selezionate ed additivi speciali atti a migliorarne la lavorabilità e l’aderenza, è un intonaco che può essere applicato su qualsiasi tipo di fondo tradizionale grezzo con lo scopo di proteggerlo e talvolta renderlo esteticamente più pregevole.

Adatto sia per interni che per esterni, permette una finitura dall’aspetto piacevole all'edificio. Prima della sua applicazione sulle superfici dovranno essere eliminate tutte le tracce di polvere, si consiglia infatti di pretrattare i sottofondi particolarmente assorbenti, mentre per le superfici particolarmente lisce e compatte è necessario preparare un fondo di adeguata aderenza. Per motivi di igiene, sull’intonaco stesso vengono poi applicate finiture ulteriori che servono a renderlo pulito e a far sì che non ceda polvere. Può essere, quindi, impastato con inerti e leganti separatamente oppure si può scegliere di procedere con un prodotto apposito già pronto.

In qualità di materiale da costruzione viene utilizzato principalmente per l'intonacatura, ma il suo uso tende a diventare sempre più importante, grazie alla sua facilità di preparazione e alla maggiore adesione al cemento e al legno. Il risultato è una superficie liscia, che può essere lasciata come tale o dipinta. Duttilità, leggerezza e malleabilità, rappresentano i suoi principali vantaggi.

Preparazione dell'intonaco pronto

L’intonaco pronto può essere preparato in due modi:

  • con la sola aggiunta di acqua utilizzando macchine intonacatrici, spruzzando il prodotto dal basso verso l’alto e livellando l’intonaco con passaggi in senso orizzontale e verticale, mediante staggia;
  • l’intonaco pronto manuale si prepara con la sola aggiunta di acqua utilizzando betoniera, applicando il prodotto dal basso verso l’alto con l’ausilio di cazzuola e livellando l’intonaco con passaggi in senso orizzontale e verticale, mediante staggia.

Lo spessore minimo di applicabilità non deve essere inferiore ad 1 cm e maggiore di 2 cm. Per spessori superiori ai 2 cm, al fine di evitare difetti, si deve applicare l’intonaco in strati successivi a distanza di almeno 24 ore senza staggiare l’ultimo strato.

I rivestimenti pronti all'uso sono rivestimenti in pasta e asciuganti, con tempi di utilizzo più lunghi e ideali in condizioni climatiche calde e secche. Non richiedono la preparazione sul posto e consentono di risparmiare tempo e denaro. Sono versatili e generalmente adattabili alla meccanizzazione.

Proprietà

  • candore;
  • asciugatura rapida;
  • buona durezza (forte cristallizzazione);
  • breve tempo di presa.

Costi dell'intonaco pronto

Il costo dell'intonaco pronto può aggirarsi tra gli € 3,50 gli € 7,00 a sacchetto, considerando che un sacchetto può bastare per un paio di metri quadrati.

Se siamo amanti e avvezzi del bricolage, e dobbiamo intonacare una parete o addirittura un intero appartamento, la spesa da sostenere è minima, in caso volessimo affidare il lavoro ad una ditta specializzata dobbiamo invece tenere in considerazione i costi per la manodopera. Tuttavia, anche a seconda del contesto geografico ed economico, il prezzo varia dai € 9,00 ai € 20,00 a metro quadrato, al quale va aggiunta l’IVA che in opere di manutenzione straordinaria va al 10%.



Potrebbe interessarti anche