Energia Fotovoltaica

Il fotovoltaico è un sistema di produzione di energia cosiddetto pulito, non utilizza né sprigiona nell'ambiente sostanze nocive e consente di risparmiare sulla bolletta elettrica, riducendo anche la dipendenza energetica dall'estero.

 

Vediamo come funziona

Un impianto fotovoltaico è un impianto elettrico costituito da più moduli fotovoltaici o pannelli solari che sfruttano l'energia solare incidente per produrre energia elettrica mediante, appunto, effetto fotovoltaico, da componenti elettrici (celle fotovoltaiche o celle solari) ed elettronici e da sistemi meccanici-automatici ad inseguimento solare.

L'effetto fotovoltaico è un fenomeno fisico che si verifica all'interno del singolo modulo o pannello solare consentendo la produzione di energia pulita, riducendo, in tal modo, le emissioni di inquinanti nell'atmosfera. Le celle fotovoltaiche, di solito realizzate in silicio, un materiale conduttore, vengono contaminate con il boro e l'alluminio da una parte e con arsenico, antimonio e fosforo dall'altra. Viene così a crearsi, all'interno della cella, una zona con prevalenza ed una con assenza di elettroni. La luce che non viene riflessa o trasformata in calore, penetra nel pannello e rompe i legami della struttura cristallina, producendo uno spostamento di carica al suo interno tale da trasformare l'energia solare in corrente continua (DC). Sarà solo grazie all'inverter fotovoltaico che la corrente continua, caratterizzata da un flusso di elettroni di intensità e direzione costante, viene convertita in corrente alternata (AC), quella utilizzata nelle abitazioni.

Oggi, in Italia, il fotovoltaico rappresenta la seconda fonte tra le energie rinnovabili con il 24% del totale di produzione nazionale: nell'anno 2017 ha battuto il record di generazione con 24,8 TWh ed è in continua crescita. Basti pensare che il Parlamento Italiano ha emanato proposte di legge che prevedono la diffusione e l'incentivo nella produzione di energia attraverso la costruzione e la manutenzione di impianti fotovoltaici sui nostri immobili.

Scopriamo come risparmiare sulla bolletta elettrica

Un impianto fotovoltaico domestico consente di produrre in proprio l'energia necessaria alle proprie esigenze e di risparmiare molto sul consumo elettrico riducendo le spese in bolletta. Rappresenta, senza dubbio, un grosso investimento iniziale per la progettazione e l'installazione dell'impianto, ma negli anni la manutenzione richiesta si è notevolmente ridotta, ad esclusione della sostituzione periodica dell'inverter. É di sicuro un ottimo investimento sul lungo termine con un rendimento di oltre il 10%, considerato anche che i costi di installazione si sono notevolmente abbassati rispetto al passato, circa € 2.500,00 al Kw, e diminuiranno progressivamente. Da non sottovalutare che il fotovoltaico viene utilizzato anche per produrre acqua calda, basta installare un impianto solare termico. Il vantaggio di un vero e proprio sistema di autoconsumo porterà solo un risparmio crescente se consideriamo le previsioni di aumento del costo dell'energia.

Come installare un impianto fotovoltaico

I vantaggi dell'energia solare sono tanti, di contro, però, va detto che non tutte le abitazioni sono predisposte a questo tipo di sistema. É necessario che la struttura dell'edificio abbia il tetto con una superficie abbastanza estesa ed esposta al sole. Se trattasi di un condominio l'energia prodotta potrà essere utilizzata soltanto per le utenze comuni, come l'illuminazione delle scale, dei giardini e dell'ascensore. Si tratta pur sempre di una fonte di produzione che non può essere programmata, legata alle condizioni climatiche e all'esposizione dell'edificio.

Progettazione e incentivi

Per poter fruire appieno di un buon impianto e del relativo risparmio energetico bisogna sempre affidarsi ad una ditta o ad un tecnico esperto. La progettazione e il dimensionamento devono essere fatti a dovere: l'esposizione, l'inclinazione e la potenza devono essere funzionali al maggior assorbimento di luce. Informarsi preventivamente e scegliere professionisti del settore consente una resa migliore a lungo termine; oltretutto, preservando tutte le ricevute dei lavori di installazione dell'impianto fotovoltaico domestico con scambio sul posto o delle singole batterie, è possibile usufruire degli incentivi Ecobonus del 50% previsti su tutte le ristrutturazioni edilizie fino al 31 dicembre 2018.



Potrebbe interessarti anche