fbpx
05
Mar, Mar

News Lavoro

Uno studio dell'università Bocconi in collaborazione con Hay Group ha fatto un ritratto del mondo del lavoro italiano facendo notare un Gap salariale tra le donne e gli uomini abbastanza pronunciato. 

Stipendi uomo-donna

Infatti la ricerca, svolta su un campione di 32 mila lavoratori dislocati  in 97 aziende, ha evidenziato come una donna in media guadagni il 23% in meno rispetto ad un uomo. Se i due soggetti avranno le stesse mansioni o lo stesso incarico il Gap salariale scende di molto fino a giungere al 2%.

E' fondamentale però ricordare quanto ancora sia difficile per una donna percorrere gli stessi passi che ha la possibilità di fare un uomo, ricoprire incarichi importanti e determinanti, anche di grossa responsabilità. Anche dallo studio si denota questo trand, passando progressivamente dal 37% dei posti impiegatizi fino al 13% per quelli dirigenziali.

Questo Gap salariale non è solo un fenomeno prettamente italiano. Infatti anche in altri grandi paesi delle Nazioni Unite è possibile riscontrarlo. In tutti vale il discorso della difficoltà di ottenere mansioni di rilievo o manageriali e l'altro il mero fattore della retribuzione. In Francia la donna prende il 42% in meno rispetto all'uomo, in Belgio il 29%, in Spagna il 27% e in Germania il 20% in meno.

Arrivati ormai ad avere una discreta parità sotto diversi e molteplici aspetti della vita di tutti i giorni, è arrivato sicuramente il momento di raggiungere tale traguardo anche dal punto di vista strettamente professionale, dando modo sia alle donne che agli uomini di avere le stesse aspettative e possibilità lavorative, nonchè mansioni, responsabilità e ovviamente riducendo allo zero il Gap salariale che ancora li divide.



Potrebbe interessarti anche