Contratti di apprendistato

Mondo Lavoro

Nel labirintico mondo dei contratti di lavoro italiani, una menzione di rilievo la meritano sicuramente i contratti di apprendistato. I contratti di apprendistato sono particolari contratti che si basano su rapporti di lavoro definiti a "causa mista", poiché in questi si prevedono alternati i momenti di lavoro ai momenti di alta formazione.

Contratti di apprendistato

In pratica nei contratti di apprendistato al lavoratore apprendista non solo viene data una retribuzione per il lavoro svolto, ma gli viene affiancata anche una formazione professionalizzante finalizzata all’acquisizione della qualifica per la quale è stato assunto. Il D.Lgs. 276/03 ha dato un nuovo volto ai contratti di apprendistato valorizzandone appunto l’aspetto di formazione. Sono previste tre tipologie di contratti di apprendistato, ognuna destinata ad una specifica utenza.

Contratti di apprendistato - Apprendistato professionalizzante

I contratti di apprendistato professionalizzante sono rivolti a soggetti dai 18 ai 29 anni, la cui assunzione può essere fatta a decorrere fino al giorno antecedente al compimento del trentesimo anno di età. Come per tutti i contratti di apprendistato è previsto un tutor aziendale che dovrà seguire l’apprendista per tutto il corso del suo contratto.

L’apprendista dal canto suo si impegna a seguire i corsi adatti alla sua figura professionale che potranno essere svolti nella sede della sua azienda, qualora questa abbia a disposizione tale strumentazione sia umana che tecnica, o presso aziende specifiche certificate dalla Regione nella programmazione di corsi di apprendistato professionalizzante.

La durata massima dei contratti di apprendistato professionalizzante sono di 6 anni, mentre oggi come oggi non è più prevista una durata minima. La risoluzione dei contratti di apprendistato professionalizzante solitamente è risolta nella fine del contratto o in un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Contratti di apprendistato – Apprendistato per l'espletamento del diritto-dovere di istruzione

Destinatari dei contratti di apprendistato per l'espletamento del diritto-dovere di istruzione sono i giovani dai 15 ai 18 anni non compiuti che hanno assolto l’obbligo scolastico, ma che non hanno conseguito una qualifica professionale. Questo tipo di contratti di apprendistato consente ai ragazzi di assolvere al diritto/dovere dell’istruzione e gli permette di raggiungere una qualifica professionale in alternativa all’istruzione classica.

La durata di questi contratti di apprendistato varia in base alla qualifica da conseguire, al titolo di studio, ai crediti professionali e formativi acquisiti, nonché al bilancio delle competenze richiedibile presso i servizi pubblici per l’impiego o presso soggetti privati accreditati, ma non può superare i 3 anni di formazione. La finalità dei contratti di apprendistato per l'espletamento del diritto-dovere di istruzione è quella di garantire ai giovani di poter terminare il corso di studi obbligatorio anche attraverso l’alternanza scuola-lavoro.

Contratti di apprendistato – Apprendistato per l'acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione

I ragazzi di età compresa tra i 18 e i 29 anni possono essere assunti con contratti di apprendistato per l'acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione attraverso una formazione pratica in azienda e una formazione teorica universitaria, di alta specializzazione o comunque una specializzazione tecnica superiore.

Come già per gli altri tipi di contratti di apprendistato anche questo può essere stipulato in tutti i settori produttivi, purché ovviamente esercitino un’attività compatibile con il perseguimento delle finalità del contratto. Sempre come per gli altri tipi di contratti di apprendistato il datore di lavoro gode di agevolazioni contributive che vengono mantenute per un ulteriore anno se trasforma il contratto di apprendistato in contratto a tempo indeterminato.



Potrebbe interessarti anche

Approfondimenti